Please reload

Articoli Recenti 

Decolla l’ecosistema startup a Gerusalemme

“Solo due anni fa stavamo avviando le nostre prime startup a Gerusalemme. Ci sentivamo soli e ci domandavamo quando saremmo riusciti a risparmiare abbastanza denaro per trasferirci a Tel Aviv. Due anni dopo, il panorama startup di Gerusalemme è in piena espansione”. In questi termini si esprimeva l’imprenditore Roy Munin in un suo post su Facebook nel maggio 2014. 

 

Riproponiamo un articolo di quell'anno uscito su Israel21c, che presentava il nuovo panorama Startup della capitale d'Israele in pieno fermento e sviluppo, e che aiuta a comprendere meglio l'attuale ecosistema startup di Gerusalemme ormai affermatosi a livello regionale e internazionale.

“Questa città non è mai stata così fiera sostenitrice della sua comunità di innovatori. Questo è l’inizio di qualcosa di grande ed entusiasmante”.

Effettivamente, per via della sua rapida evoluzione, è davvero difficile catturare un’istantanea della cultura startup della capitale israeliana.

Secondo Made in Jerusalem (MadeinJLM),  un’organizzazione privata che raccoglie sotto di sé imprenditori, provider di servizi startup e investitori di Gerusalemme, nel 2013 il numero delle startup della capitale d’Israele arrivava a 60 (un numero significativo, in confronto alle 10 startup dell’anno precedente). Anche il numero degli acceleratori è cresciuto in maniera considerevole, passando dal 2012 al 2013 da uno a sei ac

 

 

celeratori, da dieci a ottanta eventi in ambito tecnologico, e da quattro Venture Capitalist a nove.

Munin è il Community Manager di MadeinJLM, fondato nel 2012 dall’imprenditore Uriel Shuraki e dall’investment associate di Jerusalem Venture Partners, Hanan Brand.

“Quando ho iniziato a JVP (circa tre anni fa), per trovare startup sarei andato due o tre volte a settimana agli eventi che si tenevano a Tel Aviv; allora mi sono chiesto perché non avevamo queste cose a Gerusalemme”, dice Brand. “Ogni Startup qui pensava di essere l’unica in città. Era tempo di unirsi”.

Gerusalemme è adesso sede di oltre 300 startup nei settori di media, comunicazione, software, life science ed energia, tra cui, fra i più recenti, spiccano uMoove, ZUtA Labs, AnyClip, OrCam e BriefCam. Soltanto nell’ultimo anno sono stati conclusi affari per 110 milioni di Dollari, che hanno coinvolto 35 nuove startup con base a Gerusalemme.

 

‘Entusiasmante, pazzesco, bellissimo’

 

Nel marzo 2014 la Jerusalem Development Authority (JDA) ha lanciato “JNext”, per promuovere e sostenere il settore Tech. In occasione del lancio, Danna Hochstein Mann, dell’ equity crowdfunding VC “OurCrowd”, ha descritto Gerusalemme come un polo di persone che fanno genere di cose creative, interessanti e “out of the box”.

 “Ciò che sta accadendo a Gerusalemme è entusiasmante, pazzesco e bellissimo”, dice l’imprenditore seriale Nadav Lankin, uno dei fondatori di DevOpsJLM, una comunità tech-oriented multidisciplinare di Gerusalemme.

Lankin, 34 anni, ha raccontato a ISRAEL21c di essersi ispirato ascoltando l’estate scorsa, a un evento di MadeinJLM, l’imprenditore e founder di OurCrowd Jon Medved.

“A un certo punto mi sono reso conto che gestivo le mie startup a Tel Aviv, percorrendo 14.000 chilometri all’anno, ma perché? Perché non portare una comunità Tech direttamente a Gerusalemme? È stato da input per me, per aprire una mia propria comunità di gente molto tech, patiti di tecnologia e computer, scienziati, business developer, consulenti… chiunque è benvenuto a condividere informazioni sugli ultimi trend, esperienze pratiche, metodi, strumenti – e a conoscere persone interessanti.

DevOpsJLM sponsorizza ScaleUp, che fornisce tech expertise a giovani startup, e un gruppo che esplora il modo in cui IoT (Internet of Things) possa spronare e potenziare startup e industria israeliane. A metà ottobre Lankin ha in programma di ospitare la prima Lean Startup Machine di Gerusalemme: un workshop di tre giorni su business e sviluppo, che attualmente si svolge già in 65 paesi del mondo.

 

Fermento a Gerusalemme

 

Molte nuove iniziative stanno creando fermento nella capitale israeliana.

Stanno aprendo vari workspace condivisi e networking hub, come, per esempio: il Jerusalem Startup Hub-Center for Entrepreneurial Innovation, il Jerusalem Hub, l’Open Hub alla Biblioteca Nazionale, Parnassa per il settore ultra-ortodosso, Musrara Community Hub per design, arte e imprenditoria software, e infine PICO, che è anche una galleria per artisti israeliani emergenti.

Alla Hebrew University di Gerusalemme, al Jerusalem College of Technology, all’Azrieli College of Engineering e alla Bezalel Academy of Art and Design sono stati formati dei business accelerators. Mentre la Jerusalem Center Young Association e il MATI Jerusalem Business Development Center hanno fondato a Gerusalemme il Forum per Giovani Imprenditori.

Hani Alami, un arabo-israeliano pioniere della telecomunicazione, ha recentemente co-fondato la Jerusalem Entrepreneurs Society and Technology (JEST), e spera di poter aprire presto il primo workspace-acceleratore-incubatore di Gerusalemme Est.

 

Le notti brave di She Codes a Gerusalemme.

 

She Codes (“Non è più il C++ della mamma”), un gruppo che promuove sviluppatrici di software tutto al femminile, si riunisce settimanalmente non soltanto a Tel Aviv, Haifa e Beersheva, ma anche a Gerusalemme ogni lunedì sera. She Codes è stato avviato da Ruth Polachek, che nel 2008 ha fondato l’eClub (entrepreneurship club) alla Hebrew University, uno dei primi in città nel suo genere.

Il Google Developers Group (GDG JLM) di 184 gamer si riunisce settimanalmente da marzo all’Hansen Center for Design and Technology “per creare e promuovere l’ecosistema di sviluppo e design in città”.

Altre novità e gruppi particolari emergenti in città includono l’Haredi Hi-Tech Forum per uomini e donne ultra-ortodossi, il Moshava Startup Breakfast Club nel quartiere della German Colony, e una sezione locale di ImaKadima (“Avanti Mamma”) per giovani mamme israeliane in carriera.

 

New network culture

 

Il Business development consultant  Joe Van Zwaren, che nel 2007 contribuì a creare il Jerusalem Business Networking Forum (JBNF), guarda con grande soddisfazione ai gruppi di networking e business che si stanno formando nella capitale.

“Gerusalemme è una città dove la gente non aveva la cultura del networking, e adesso invece tutto a un tratto stanno accadendo molte cose”, dice Van Zwaren a ISRAEL21c. “Nel 2007 la gente doveva spostarsi da un gruppo all’altro per concludere affari, trovare lavori e investimenti, perché ciascun gruppo era specializzato in un differente target di popolazione”.

JNext è un segnale che la municipalità di Gerusalemme ha finalmente “riconosciuto questo incredibile meccanismo per generare business”, dice Van Zwaren. “Il JDA ha un team giovane e dinamico che spinge risorse in questa direzione”.

Grazie a JNext, dice Van Swaren, studenti universitari di Gerusalemme portati per il business “hanno scoperto all’improvviso che esistono dei forum per creare contatti con persone che normalmente loro non conoscerebbero, soprattutto nell’area delle biotecnologie. La JDA sta anche avviando un programma di internship per introdurre neo PhDs e post-Doc nell’industria biomedica di Gerusalemme”.

Il 14 agosto JBNF ha tenuto la sua conferenza inaugurale “Doing Business in Jerusalem”, durante la quale sono stati conferiti dei premi alle seguenti startup con base a Gerusalemme: Brainsway, Glide, Revelator, Freightos e Abe’s Market.

Sebbene ritenga che si debba fare ancora molto, Van Zwaren è più che mai ottimista riguardo allo scenario startup di Gerusalemme, che per lungo tempo secondo lui è stato marginalizzato dal più alto profilo di Tel Aviv.

“Adesso vedo invece che esistono infrastrutture per aiutare persone con zero fondi a lanciarsi. È una cultura completamente nuova, che è stata creata dal nulla”.

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Follow Us
Search By Tags